Salta al contenuto principale
Nice

Form di ricerca

Luglio 2021

La smart home Nice aiuta a semplificare la quotidianità delle persone diversamente abili

#NiceLife

La smart home Nice aiuta a semplificare la quotidianità delle persone diversamente abili

Nell’ambito del progetto Casa Dolce Casa di Gruppo Polis, l’innovazione della smart home Nice contribuisce a rendere il contesto abitativo di persone con disabilità più smart e automatizzato, con l’obiettivo finale di dar loro maggior indipendenza e autonomia. L’azienda ha infatti collaborato con Gruppo Polis e l’associazione Informatici Senza Frontiere nell’ambito del programma Casa Dolce Casa, vincitore del bando di coprogettazione indetto dall'Ulss 6 Euganea per avviare percorsi di vita indipendente per persone con disabilità intellettiva.

Il progetto prevede l’installazione di dispositivi della smart home in 2 appartamenti, dove i partecipanti, 4 o 5 per nucleo abitativo, possano sperimentare la massima autonomia possibile. L’implementazione di un sistema di supporto domestico basato sull’innovazione della smart home è finalizzata alla riduzione dei rischi domestici, alla semplificazione delle possibilità di comunicazione con l’esterno ma anche dell’interazione tra assistiti e caregiver.

La tecnologia presente nei 2 alloggi, che comprende in totale 48 dispositivi FIBARO, permette innanzitutto la funzione comunicativa, quella considerata più importante, in chiave funzionale ma anche ludica. Inoltre, i dispositivi di controllo FIBARO coordinati in maniera totalmente integrata, pratica e comoda dal gateway Home Center 3, in entrambi gli appartamenti permettono la funzione di monitoraggio e l’invio di segnalazioni. La rete di sensori posti negli appartamenti è in grado di monitorare alcune situazioni critiche: finestre e porte, anche degli elettrodomestici, lasciate aperte, presenza di fumo o fuoco, perdite d'acqua in bagno, variazioni anomale della temperatura o luci lasciate accese. La funzione più importante resta quella del monitoraggio notturno: dalle 23 alle 7.30 i sensori registrano i movimenti degli inquilini, segnalando su Telegram, via mail o app e dashboard FIBARO se, dopo un tempo prestabilito, gli abitanti della casa non ritornano nelle proprie stanze.

Francesco Villani, General Manager di Nice Italia, si dice orgoglioso per la partecipazione a questo progetto: "La collaborazione con Gruppo Polis e Informatici Senza Frontiere è un esempio concreto dell'importanza che ha per noi la nostra Mission: semplificare i movimenti di ogni giorno. Stiamo lavorando per un futuro ricco di iniziative simili, tutte con lo scopo di contribuire al miglioramento del benessere delle persone, indipendentemente dalle loro caratteristiche e necessità."